EU all’attacco degli schemi di corporate tax avoidance, le 5 stelle di Malta

EU all’attacco degli schemi di corporate tax avoidance

le vecchie prassi e giurisdizioni di Lussemburgo, Irlanda, UK, Svizzera ecc…sempre più nel mirino

Con MALTAway hai accesso a Malta, la giurisdizione più efficiente a 5 stelle riconosciute nel mondo:

  1. bassa struttura dei costi e bassa tassazione dei redditi e degli asset
  2. 100% compliant con le norme EU e OCSE
  3. modello regolatorio trasparente e alla luce del sole
  4. ideale per il grande afflusso di cervelli e capitali e quindi per l’economia e il business reali
  5. modello anglosassone con veicoli e strutture a protezione dell’individuo e del patrimonio ma molto aggressivo nei confronti della corruzione e del riciclaggio

EU to clamp down on corporate tax avoidance schemes

Multinational companies are facing severe constraints on their ability to avoid taxes on their activities in Europe as regulators seek to close loopholes laid bare by the LuxLeaks scandal.

Pierre Moscovici, the EU’s tax policy chief, will set out plans next week to curb practices such as using debt interest payments to lower tax bills or shifting profits to minor subsidiaries in low-tax nations, according to a copy of the proposals obtained by the Financial Times.

“The schemes targeted by this directive involve situations where taxpayers act against the actual purpose of the law, taking advantage of disparities between national … systems,” the document says. Such techniques mean that “taxpayers may benefit from low tax rates or double deductions or ensure that their income remains untaxed”.

The measures build on international proposals developed by the OECD and are one of the most far-reaching steps yet by the EU to seize the initiative in the wake of LuxLeaks.

The LuxLeaks revelations emerged shortly after Jean-Claude Juncker became commission president in November 2014, and dogged his early days in office. They documented how during his two decades as Luxembourg prime minister, up to 340 multinational companies, ranging from Ikea to Pepsi, funnelled profits through the tiny country to lower their tax bills to as little as 1 per cent.

The scandal was particularly resonant at a time of rising populist anger in Europe and a sense among many citizens that the pain from austerity measures had not been shared equally.

The commission has sought to get on top of the affair by proposing regulatory changes and pursuing competition cases against tax deals governments have struck with multinationals such as Apple, Starbucks and Fiat.

Mr Moscovici’s proposals, which will need unanimous support from the EU’s 28 national governments to become law, include an effort to limit the extent to which a multinational company can cut its tax bill by financing some parts of its business through debt owed to subsidiaries in low-tax countries.

The plans would limit the amount of interest that a company can claim each year as tax-deductible, setting an upper limit measured as a percentage of operating profits. The commission plans to set the ratio at 30 per cent, the upper limit foreseen by the OECD, with the option for individual nations to go further if they wish.

Banks and insurers would be given a carveout from these rules while the EU develops more tailored requirements for the sector, according to the documents.

Companies already warned the UK Treasury this month that the plans to restrict the generous tax treatment of interest costs were unnecessary and potentially damaging.

The Institute of Chartered Accountants in England and Wales said businesses had “major concerns” and warned that changes to the “current, relatively benign, regime for interest deductibility” could have a negative impact on the UK as a desirable business location.

Sven Giegold, a German lawmaker in the European Parliament who has campaigned on corporate tax avoidance issues, said the plans threw down the gauntlet to national governments.

“Member states now face a test on whether they are serious to fight corporate tax avoidance and should adopt this new directive within the year,” Mr Giegold told the FT. “European citizens can no longer understand why their leaders do not deliver on key reforms.”

http://www.ft.com/cms/s/0/ac633f3a-c060-11e5-846f-79b0e3d20eaf.html

SERVIZI SOCIETARI, CONSIGLIO di AMMINISTRAZIONE, GOVERNANCE, TASSE, LEGALE, CONSULENZA SOCIETARIA

MALTAway fornisce servizi societari e si fonda su principi semplici e rigorosi: credibilità , integrità , trasparenza e rigore.

Per essere credibili, si deve essere innanzitutto trasparenti e rigorosi, questo è un nostro valore.

MALTAway è una Società di Consulenza e Servizi, per il Consiglio di Amministrazione, per la Governance Societaria, per gli Investimenti.

La nostra attività e quella di consigliare e aiutare i nostri clienti nel migliorare le proprie performances e nella crescita, attraverso un approccio strategico e globale

Con sede legale a Malta, MALTAway ha sviluppato e guidato molteplici progetti in diversi settori di attività e paesi

La Mission di  MALTAway è anche quella di promuovere MALTA e le sue opportunità e capacità di Business, Governance e Globalizzazione.

Un ambiente pro-business e uno stile di vita unico e vincente, sono capaci di attrarre a Malta Professionisti qualificati, Capitali, Aziende, Imprenditori e High Net Worth Individuals ( HNWI ), interessati a trasferirsi in questa giurisdizione per fare Business, Investire, Lavorare

COSA OFFRE MALTAWAY

Il Team di MALTAway offre un’ampia capacità, competenze ed esperienze, dai servizi societari e di governance alla consulenza di business e di management, dalle tematiche fiscali a quelle legali e regolamentari, sia societarie sia di protezione del patrimonio.

Investimenti, prodotti e servizi finanziari basati sulle nuove tecnologie e servizi finanziari e bancari tradizionali, strumenti di investimento e di ricerca e analisi finanziaria e quantitativa

Inoltre, abbiamo sviluppato una rete di partner locali accuratamente selezionati, capaci di consigliare e assistere clienti di qualsiasi settore e dimensione insieme a MALTAway a Malta e nel mondo

MALTAway offre i seguenti servizi ai clienti che vanno dalle start-up alle imprese consolidate, dalle imprese familiari alle società globali e ai HNWIs:

  • SERVIZI PER IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE: MALTAway offre risorse senior e qualificate, residenti a Malta, necessarie e adatte a ricoprire il ruolo di Direttore NON-Esecutivo Indipendente, con lo scopo di ampliare la capacità e le competenze del consiglio di amministrazione e di rispettare le leggi fiscali internazionali
  • SERVIZI GOVERNANCE: MALTAway mette a disposizione un personal trainer dedicato per i tuoi Membri del CdA e per il tuo Leadership Team, offrendo supporto e consulenza in materia di governance e investimenti, sia a fronte di problematiche emergenti dovute a variazioni di mercato e/o a specifici piani di crescita.
  • BUSINESS SERVICE: Processi di Relocation, MALTAway opera come connettore del cliente con la comunità di business e di governo, assistendo i nostri clienti che si trasferiscono a Malta, nel massimizzare in poco tempo i benefici reali presenti e nel mettere a frutto le concrete opportunità che questa giurisdizione offre
  • SERVIZI FISCALI: locali, europei, globali, regolamentazioni OCSE, BEPS (base erosion and profit shifting)
  • SERVIZI LEGALI: Corporate, Holding, Fondazione & Trust, Corporate & Fiduciary Services, ridomiciliazione per individui e imprese
  • SERVIZI FINANZIARI: Banking, Treasury, Investment & Merchant Banking, Asset Allocation
  • RELOCATION SERVICES: pacchetti completi di trasferimento per le Società, Dirigenti, Dipendenti e Individui, dal viaggio alla scuola per i figli, alla scelta della casa e degli uffici alle coperture assicurative
  • CORSI INGLESE CORPORATE: pacchetti individuali e collettivi per Executives, Managers, Dipendenti e loro famiglie

 Board, Governance & Investments – New way for Global thinking & Local Actions 


 

MALTA SERVIZI SOCIETARI

 

MALTAWAY BOARD GOVERNANCE E NED

Treat Employees Like Business Owners, do it basic, simple and straightforward.

Treat Employees Like Business Owners, do it basic, simple and straightforward.

The rest is boredom and noise, keep it far away

Employee loyalty and engagement are hot topics, and for good reason. Companies want to attract and retain talented people who really dig into their work. But most employers ignore two of the most powerful tools for making that happen.

MALTAWAY Board Governance and Business Advisory, a different WAY from Malta

Tool #1 is enabling employees to build real ownership in the business.

Of course, many public corporations offer stock-purchase plans or the like as part of their retirement benefit. And everyone knows about the options collected by a select few in Silicon Valley and other tech centers. But meaningful ownership — sizable grants of stock to rank-and-file employees year after year, to help them acquire a significant stake in the company — is all too rare.

It doesn’t have to be. Many large corporations manage to find big bundles of shares (and huge amounts of cash) for executive compensation, even though there’s little relationship between senior-management pay and financial results. A portion of those assets can be redirected to regular stock grants for employees. And companies — except for the very smallest — can implement an employee stock ownership plan (ESOP), often funded through borrowing. So long as it’s sufficiently generous, either approach gives employees the kind of stake that makes them feel like true owners.

Just look at the supermarket industry to see such ownership in action. H-E-B, the big Texas-based chain, recently announced that it would give up to 15% of company shares over time to 55,000 of its employees, distributed according to a formula based on salary and seniority. That’s a chunk of stock estimated at more than $1 billion. Publix, a large chain headquartered in Florida, is majority owned by its employees and regularly makes the annual “best companies to work for” lists. And there’s WinCo, a grocery retailer based in Boise, Idaho, with 14,000 employees and 86 stores spread across eight western states. Every WinCo employee is an owner. Cathy Burch, who has worked there for 20-some years as an hourly employee, now has close to $1 million in her retirement account.

You don’t think that kind of generosity builds commitment and passion? “We work our tails off,” an employee with 28 years at WinCo told Forbes. “We’re more of a team than just working for a typical company. There’s a carrot out there you’re working for, for the rest of your life.”

Tool #2 goes by different names: open-book management, economic transparency, ownership culture. Whatever you call it, it means encouraging employees to think and act like businesspeople rather than like hired hands.

If you work for a conventional organization, your job is to show up at the appointed time and perform certain tasks. At open-book companies, it’s part of everyone’s job to contribute to the success of the business. Managers help employees understand, track, and forecast key numbers. They welcome ideas for improvement. They reinforce the ownership mindset by sharing profit increases with everyone, usually through bonuses funded by the increase itself. Many of these businesses also have a stock plan in place.

The approach is easiest to understand in a small company. The Paris Creperie, a Boston-area restaurant that’s about the size of a McDonald’s outlet, recently adopted open-book management. Creperie employees learned the basics of the restaurant business, including determinants of profit such as cost of goods sold (COGS). Then, last summer, they launched an initiative to reduce COGS, cutting food waste, reconfiguring some dishes, and coming up with ways to operate more efficiently. COGS dropped from roughly 30% of revenue to 26.5% over a four-week period, and continued to hold in the mid-20s. Operating profit rose by more than 10 percentage points in just four months and has stayed in the 18% to 20% range, compared with a restaurant-industry average of less than 4%.

This year, employees there are on track to get bonuses averaging $6,000. “Any other restaurant, I would just be scraping by,” shift supervisor Amanda Norton told theBoston Globe. “Seeing those bonuses really helps me breathe easier, knowing that it’s not the end of the world when I have to pay bills.”

You can imagine what all this does for employee loyalty and commitment. “Actually,” says Harvard Business School professor Leonard A. Schlesinger, “when employees know more about the business and have an economic stake in the outcome, there’s a high probability that turnover rates would go down exponentially.”

These tools also address two fundamental challenges of today’s free-enterprise system. An ownership nest egg helps mitigate inequality by putting more money in the hands of rank-and-file employees. And open-book management teaches people the basics of business, so they can thrive when they have to change jobs, as most inevitably will in our fast-changing economy. “People are learning what it means to run a business,” says Joe Grafton, a consultant who works with the Creperie. “That’s something they can take with them as they move forward with their careers.”

Both measures give people a stake in the system and the wherewithal to live a more secure life. A company that puts these tools to work helps its community while helping itself.

https://hbr.org/2015/12/treat-employees-like-business-owners

La marea del calo demografico impatta sull’economia mondiale con crescita dell’occupazione e salariale

L’ECONOMIA MONDIALE, PER COME LA CONOSCIAMO, STA PER ESSERE COMPLETAMENTE CAPOVOLTA

Lo ‘sweet spot’ demografico sta per svanire. Siamo sulla soglia di un’inversione demografica che sancirà la fine dell’egemonia delle imprese sul mondo del lavoro e colmerà le disuguaglianze che si son venute a creare nel corso degli anni.

MALTAway… business and investment advisory per Malta e per il mondo

I lavoratori di tutto il mondo stanno per ottenere la loro vendetta. I capitalisti dovranno accontentarsi di una fetta ridotta della torta.

Le potenti forze sociali che hanno invaso l’economia globale, garantendo negli ultimi quattro decenni manodopera in abbondanza, stanno improvvisamente invertendo il loro moto, sancendo la fine sia del super-ciclo deflazionistico che dell’epoca dei tassi d’interesse a zero.

“Siamo a un netto ‘punto di flesso’”, ha dichiarato il Prof. Charles Goodhart, Professore alla ‘London School of Economics’ ed ex alto funzionario della Banca d’Inghilterra.

La manodopera a buon mercato sta prosciugandosi e i ‘risparmi’ [1] diminuiscono. I tassi d’interesse reali saliranno dai livelli sottozero [attuali] a quelli della loro norma storica, pari al 2,75 : 3%, o addirittura superiori.

Secondo il Prof. Goodhart le implicazioni per i Titoli a lungo termine del Tesoro degli Stati Uniti stanno diventando inquietanti. L’intera struttura del mercato obbligazionario sarebbe basata su una falsa antropologia.

Il periodo a venire sarà caratterizzato dalla scarsità di manodopera e l’equilibrio di potere si sposterà dai ‘datori di lavoro’ ai lavoratori, spingendo verso l’alto i salari. La corrosiva disuguaglianza che si è accumulata nei paesi in tutto il mondo andrà quindi a colmarsi.

Dovesse aver ragione, a breve termine gli eventi screditeranno le pretese neo-marxiste di Thomas Piketty, l’economista e scrittore francese balzato alla celebrità lo scorso anno. Il suo improbabile bestseller – Capital in the Twenty-First Century [2] – afferma che nel corso del tempo la remunerazione del capitale è stata più rapida della crescita dell’economia portando, in un sistema di mercato senza alcun limite, ad un’ineluttabile maggior concentrazione della ricchezza.

“Piketty si è sbagliato”, ha dichiarato il Prof. Goodhart. In realtà è successo che, a partire dal 1970, il crollo del tasso di natalità, giunto ad una vita sempre più lunga, ha portato a uno ‘sweet spot’ [3] demografico. Un episodio una tantum che ha temporaneamente distorto l’economia del lavoro.

Il Prof. Goodhart e Manoj Pradhan [4] hanno sostenuto, in un articolo per la ‘Morgan Stanley’, che questo ‘sweet spot’ è stato reso ancora più ‘sweet’ dal crollo dell’Unione Sovietica e dallo spettacolare ingresso della Cina nel sistema commerciale globale.

Nel 1990 la schiera di lavoratori del ‘mondo sviluppato’ era composta da 685 milioni di persone. La Cina e l’Europa Orientale ne hanno aggiunto ulteriori 820 milioni, più che raddoppiando, in un batter d’occhio, i numeri in gioco.

“E’ stata la più grande scossa al mondo del lavoro che si sia mai vista. E’ l’evento che ha portato a 25 anni di stagnazione dei salari”, ha sostenuto il Prof. Goodhart, parlando a un forum organizzato dalla ‘Lombard Street Research’.

Sappiamo tutti cos’è successo. Le imprese si sono appropriate a buon mercato dell’’esercito di riserva’ del mondo. Le aziende americane che non avevano esse stesse delocalizzato gli impianti in Cina furono in grado di ‘giocarsi’ i salari cinesi contro quelli dei lavoratori statunitensi, speculando fortemente sul lavoro. I profitti netti delle aziende USA equivalgono ora al 10% del Pil, il doppio della media storica e il valore più alto del dopo-guerra.

La storia è stata più o meno la stessa in Europa. La Volkswagen minacciò apertamente di spostare la produzione in Polonia, nel 2004, a meno che i lavoratori tedeschi inghiottissero sia il ‘blocco dei salari’ che la maggiorazione delle ore lavorative, fatto che equivaleva a un taglio dei salari. La ‘IG Metall’ [sindacato metalmeccanico tedesco] s’inchinò amaramente all’inevitabile.

La manodopera a buon mercato spinse in basso i costi globali e i prezzi. La Cina aggravò gli effetti investendo massicciamente nelle fabbriche (con crediti agevolati), spingendo gli investimenti al 48% del Pil (un record mondiale) e inondando i mercati di merci a basso costo – prima vestiti, scarpe e mobili, poi acciaio, navi, prodotti chimici e pannelli solari.

Cullate dalla bassa inflazione dei prezzi al consumo, le Banche Centrali lasciarono fare, ‘allentando’ le politiche monetarie (molto prima della crisi della Lehman) che portarono a loro volta a dei tassi d’interesse reali sempre più bassi e a delle bolle speculative. I ricchi, al contempo, diventavano sempre più ricchi.

Tuttavia, quest’epoca è ormai passata alla storia. I salari in Cina non sono più a buon mercato, dopo essere saliti a un tasso medio annuo del 16% lungo tutto un decennio.

Anche lo yuan è sopravvalutato. Dalla metà del 2012, ovvero da quando il Giappone ha dato il via guerra valutaria in Asia, si è apprezzato del 22% in ‘termini commerciali ponderati’. La Panasonic, ad esempio, ha preferito trasferire la produzione dei ‘forni a microonde’ dalla Cina al Giappone.

Ma le cause alla base del periodo deflazionistico sono più profonde.

Il ‘tasso di fertilità mondiale’ è costantemente declinato. Le ‘nascite per donna’ sono passate dal 4,85 del 1970 al 2,43 di oggi – negli ultimi vent’anni c’è stato un crollo epocale in Asia Orientale.

Le ultime stime, in effetti, sono le seguenti: India (2,5), Francia (2,1), Stati Uniti (2,0), Regno Unito (1,9), Brasile (1,8), Russia e Canada (1,6), Cina (1,55), Spagna (1,5), Germania, Italia e Giappone (1,4), Polonia (1,3), Corea (1,25) e Singapore (0,8). Come regola generale, ci vogliono 2.1 ‘nascite per donna’ per mantenere la popolazione in equilibrio.

Il numero delle persone in età lavorativa [dal 1970] è aumentato notevolmente rispetto a quello dei bambini e, per un po’, a quello degli anziani. L’’indice di dipendenza’ [5] mondiale è sceso dallo 0,75 del 1970 allo 0,50 dello scorso anno. Quest’ultimo dato viene generalmente considerato come lo ‘sweet spot’ demografico.

“Siamo sulla soglia di un completo capovolgimento [dell’economia mondiale]. L’offerta di lavoro tenderà sempre più a scarseggiare. Le aziende nel corso degli anni hanno fatto un sacco di soldi … ma la vita non sarà più così accogliente per loro”, ha continuato il Prof. Goodhart.

Nei paesi ricchi l’’indice di dipendenza’ ha già toccato il fondo. Ora sta risalendo molto più velocemente di quanto non abbia fatto cadendo, quando i ‘baby boomers’ [nati fra il 1946 e il 1964] cominciarono ad andare in pensione e le persone a vivere molto più a lungo.

La Cina dovrà affrontare un duplice colpo, grazie agli effetti della politica del ‘figlio unico’: “E’ disastrosamente andata avanti per 15 anni di troppo”, ha sostenuto il Prof. Goodhart. La forza lavoro sta già diminuendo di 3 milioni di unità l’anno.

È opinione diffusa che la crisi demografica spingerà la deflazione ancor più in profondità, soprattutto perché è questo ciò che è successo in Giappone (probabilmente per ragioni particolari) quando, vent’anni fa, ha avuto inizio l’invecchiamento di massa.

Il documento di Goodhart, però, arriva a conclusioni opposte.

La sanità e i costi dell’invecchiamento porteranno a un’espansione fiscale, mentre la scarsità della manodopera innescherà una ‘guerra delle offerte’ a vantaggio dei lavoratori, il tutto condito da uno stato di latente guerra sociale tra le generazioni: “Stiamo tornando a un mondo inflazionistico”, egli ha concluso.

La Cina non inonderà più il mondo con il suo ‘risparmio in eccesso’ [1]. Gli anziani dovranno attingere alle loro riserve. Le aziende dovranno investire di nuovo in tecnologie labour-saving [automazione dei processi industriali], attingendo alle loro inutilizzate e segrete scorte di denaro.

Assisteremo a un rovesciamento di quelle forze che hanno spinto il ‘tasso di risparmio mondiale’ al record del 25% del Pil [globale], creando quell’ampio bacino di capitali che si è poi rovesciato nell’acquisto a valanga di assets in tutto il mondo, anche se l’economia globale continua a soffrire di depressione.

Il ‘tasso di equilibrio’ dell’interesse reale tornerà alla normalità e potremo smetterla di parlare di ‘stagnazione secolare’. Le Banche Centrali la smetteranno di preoccuparsi degli orrori della vita a ‘tasso zero” (Zero Lower Bound – ZLB) e in questo senso hanno già cominciato a muoversi.

La scorsa settimana l’economista-capo della Banca d’Inghilterra, Andrew Haldane, attraverso un inquietante discorso ha avvertito che, per quanto al momento si possa vedere, potremmo restare bloccati nella trappola del ‘tasso zero’, con poche armi a disposizione per combattere la prossima crisi. In generale, per raddrizzarsi una crisi richiede un taglio di 3 – 5 punti percentuali dei tassi d’interesse.

“Le Banche Centrali potrebbero trovarsi ad urtare contro il vincolo dello ‘ZLB’ su base ricorrente”, egli ha detto. La sua risposta, però, è un menù composto da un Quantitative Easing a tal punto esotico da sconfiggere per eterodossia finanche la Corbynomics [6].

Il Prof. Goodhart, invece, parte da un importante e diverso presupposto. Egli dubita che i robots possano sostituire i lavoratori così velocemente da compensare la carenza di manodopera, o che le nazioni invecchiate siano in grado di assorbire culturalmente immigrati a sufficienza per colmare il divario occupazionale, o che l’India o l’Africa abbiano le infrastrutture indispensabili per ripetere l’’effetto Cina’.

Il mondo non ha mai affrontato un’’epidemia da invecchiamento’ prima d’ora … e quindi siamo in acque inesplorate. Quello che è decisamente chiaro è che il decollo verticale del ‘tasso di dipendenza’ sta per distruggere tutte le nostre ipotesi economiche.

L’ultima volta che i ‘servi della gleba’ europei si trovarono improvvisamente ad essere fortemente richiesti fu nel periodo successivo alla ‘Morte Nera’, a metà del 14° secolo [7]. Si dice che quell’evento abbia posto fine al feudalesimo.

http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=15615

Ambrose Evans-Pritchard

Fonte: http://www.telegraph.co.uk

Link: http://www.telegraph.co.uk/finance/comment/ambroseevans_pritchard/11882915/Deflation-supercyle-is-over-as-world-runs-out-of-workers.html

23.09.2015

 

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da FRANCO

 

[1] Risparmio Nazionale:si parte dalla definizione del Pil: Y = C + G + I + X – M + RNE, dove:

Y = Pil, Prodotto Interno Lordo

C = consumi (acquisti delle famiglie)

G = consumi collettivi (acquisti del Governo, cioè dello stato, del settore pubblico)

I = investimenti (acquisti di beni durevoli da parte delle imprese)

X= esportazioni (acquisti di beni e servizi da parte del resto del mondo)

M = importazioni (perché sono beni consumati nel paese, ma prodotti altrove, e che per questo motivo hanno prodotto reddito altrove)

RNE = redditi netti dall’estero, ovvero la differenza fra: a) i redditi percepiti dai ‘fattori residenti’ (capitale e lavoro) impiegati all’estero, e b) i redditi corrisposti ai ‘fattori esteri’ impiegati in Italia.

Si ottiene infine la definizione del Risparmio: S = Y – C – G, ovvero reddito nazionale meno i consumi nazionali privati e pubblici.

[2] Questo il link http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=15442 alla ‘distruttiva’ recensione di Paul Krugman a ‘Capital in the Twenty-First Century’, proposta a metà Agosto da Come Don Chisciotte (3° brano).

[3] Lo ‘sweet spot’ è il ‘punto giusto’, ovvero il punto dell’attrezzo sportivo con cui è meglio colpire la palla. Più in dettaglio:http://www.thefreedictionary.com/sweet+spot

[4] Economista-capo presso la Morgan Stanley riguardo l’area CEEMEA, Central and Eastern Europe, the Middle East and Africa.

[5] Indice di Dipendenza Mondiale. Per saperne di più: https://it.wikipedia.org/wiki/Indice_di_dipendenza.

[6] Per Corbynomics si intendono le soluzioni economiche proposte da Jeremy Corbin, neo-leader del Labour Party inglese.

[7] Per ‘Morte Nera’ si intende l’epidemia di ‘peste nera’ che uccise oltre 1/3 della popolazione europea.