MALTA, lascia il bail IN alle banche Italiane e acquista una seconda casa al mare come investimento

MALTA, lascia il bail IN alle banche Italiane e acquista una seconda casa al mare come investimento

Ecco cosa dice l’ufficio studi di Tecnocasa….

La casa al mare continua ad essere percepita come luogo del cuore e rifugio per il weekend, ma viene sempre più sentita anche e soprattutto come un’opportunità di investire in un settore sicuro, grazie alla possibilità, sempre più sfruttata da molti, di affittarla poi ai turisti per brevi o lunghi periodi quando non la si utilizza.  Con l’avvento di portali web e Agenzia specializzate è ormai facile e sicuro infatti metterla in affitto per mesi o settimane con formule semplici e immediate, che trasformano la seconda casa in un bene in cui investire i propri risparmi.

Nel 2016 poi, un’ulteriore spinta al mercato immobiliare l’ha data la sempre più diffusa sfiducia nei confronti degli istituti di credito e il famoso Bail in. Il Consiglio dei Ministri ha infatti recepito a fine 2015 la direttiva europea BRRD, che introduce in tutti i paesi europei regole armonizzate per prevenire e gestire le crisi delle banche:  il salvataggio interno può toccare anche il denaro sui depositi con somme superiori ai 100.000€. Tramite il bail in si svalutano azioni e crediti e li si converte in azioni per assorbire le perdite e ricapitalizzare la banca in difficoltà. Per questo gli italiani stanno cominciando a pensare che i classici investimenti sul mattone rappresentano un modo per impegnare il proprio capitale in un bene che, passi per le crisi momentanee, è sempre molto ricercato sul mercato.

DOVE COMPRARE?

L’acquisto di una seconda casa al mare è spesso fonte di dubbio per l’acquirente, portata a pensare che non la si può sfruttare tutto l’anno. Niente di più sbagliato! Se la scelta della località dove comprare è fatta con un certo criterio, prediligendo quei posti dove è possibile goderne anche nei mesi più freddi, l’investimento è assicurato. Le opzioni a quel punto non mancano.  Vale la pena puntare su zone ad altissimo afflusso turistico vicine a importanti luoghi di interesse culturale raggiungibili sia in treno che coi mezzi in un batter d’occhio, così da poter approfittare della casa al mare in ogni stagione.

Riteniamo utile condividere con i lettori queste 10 considerazioni:

  1. Il conto corrente é un contratto di prestito alla banca, i soldi non sono piú vostri
  2. Il limite al bail in dei conti correnti sino a €100.000 é una bufala, il fondo di garanzia é giá vuoto ora (lo dichiara un alto funzionario Italiano)
  3. Il mercato obbligazionario é una mega bolla, per avere un ritorno il rischio default controparte e rischio prezzo del titolo sono diventati altissimi
  4. Malta é in Europa, con la stessa moneta, sistemi bancari SEPA, prelevare, fare un bonifico da e per Malta , é la stessa identica cosa di un movimento fatto tra Milano e Genova
  5. Non seguite il gregge, non mettete liquidità e asset in paesi a rischio (Portogallo, Italia, Francia, Spagna, Grecia…) che nel migliore dei casi non faranno altro che tassare il vostro patrimonio per risanare le loro finanze
  6. Malta ha flussi turistici in crescita a doppia cifra a differenza di quello che accade negli altri paesi mediterranei
  7. Il clima a Malta é davvero molto mite, le case non hanno riscaldamento, Malta offre mare, storia, architettura, campagna, divertimento, quindi la stagione turistica non é Luglio e Agosto come in molte localitá Italiane, ma dura 12 mesi all’anno
  8. A Malta nessuna tassa sulla casa, neppure la tassa rifiuti
  9. Puoi affittare la tua casa quando non la usi con agenzie specializzate e con AIRBNB
  10. Malta é collegata con 15 cittá italiane, tutti i giorni, da Milano 4 compagnie aeree e al massimo 100 minuti di volo, al prezzo di una pizza e meno dell’autostrada Milano-Genova, Malta ha collegamenti giornalieri con tutte le capitali e principali cittá europee

10 e lode MALTAway vi assiste in tutto, legale, fiscale, scelta location ecc… con pacchetti tutto incluso chiavi in mano

Ed eccovi alcune risposte ideali per capire, comprese queste condivisibili premesse, perché investire in una CasaMalta, noi vi assistiamo in tutto con un pacchetto che al massimo é il 2% del vostro investimento

Italia in 6 mesi boom di acquisti di case all’estero, MALTA è il vostro Nord Europa in mezzo al Meditterraneo

Non fatevi influenzare dai giornali e non seguite il gregge, non mettete liquidità e asset in paesi a rischio che nel migliore dei casi non faranno altro che tassare il vostro patrimonio per risanare le loro finanze

Scappate da questi paesi del Mediterraneo essenzialmente falliti, investite nella vostra casa a Malta, a zero tasse in un paese competitivo e sano dal punto di vista economico, finanziario, sociale e morale….il vostro Nord Europa in mezzo al Mediterraneo 

Perché, Come e dove investire in un immobile a Malta

In Europa stiamo assistendo ad una situazione di debolezza dei prezzi delle case nel Sud tra la Spagna, Francia e Italia con un mercato che ha un’offerta elevata ma una domanda in costante calo, al contrario nelle capitali Nord Europee e in particolare a Londra  vi sono mercati surriscaldati e prezzi alle stelle

casamalta_maremalta

Malta  spesso non e’ neppure considerata dalle classifiche internazionali perché piccola e lontana dai titoli di giornali ma invece è nota agli investitori piu’ smart .

Malta è parte dell’Europa, ha una economia in espansione, un mercato immobiliare in forte crescita , un sistema fiscale vantaggioso che continua ad attirare capitali e investitori, un costo della vita  basso , un ottimo livello scolastico e sanitario, un livello di sicurezza elevato ed una qualità della vita molto alta e non da ultimo  un clima favorevole.

Malta è una nazione e un mercato piccolo, per il momento ancora lontana dalla mente e immaginazione delle folle, con prezzi medi degli immobili relativamente ancora convenienti rispetto agli altri mercati.

Ma perchè conviene investire in un immobile a Malta?

casamalta_sliemaatticopiscina

Perchè è un rendimento sicuro in quanto la domanda di case in affitto è esplosiva e non ci si deve meravigliare se qui un immobile viene affittato dopo 24-48 da quando viene immesso sul mercato, grazie a diversi fattori:

  • l’economia maltese in costante crescita
  • l’afflusso di capitali esteri per grandi progetti di investimento e infrastrutture
  • la crescente domanda da parte del mercato estero, sia individui sia imprese, nella ricerca di immobili residenziali e commerciali per vivere, lavorare, fare business, investire
  • la costante crescita dei flussi turistici
  • l’afflusso di studenti per i  corsi di inglese o universitari
  • una costante crescita della domanda da parte del mercato locale Maltese, dovuta al miglioramento del potere di acquisto e alla chiara scelta di destinare le proprie risorse all’investimento immobiliare.

Investire a Malta in un immobile vuol dire :

  • avere bassi costi di gestione (le spese condominiali sono sempre contenute)
  • non avere nel corso degli anni tasse sulla proprietà o comunali come la tassa rifiuti ed altro,

e per contro

  • avere costanti  flussi di cassa.

Le aree di maggior interesse per gli investitori esperti risultano essere sicuramente Sliema e St Julians, ma molti stanno rivolgendo la loro attenzione anche in altre zone dell’isola sia piu’ a nord o sud .

Località come Swatar, Naxxar, Balzan, St Pauls Bay e Mellieha hanno registrato un interesse da parte degli investitori ed una crescita della domanda degli affitti.

Inizia a rivestire un certo interesse il sud dell’isola con Marsascala oppure le splendide Tre Città o le zone piu’ vicine a Smart City dove si stanno concentrando gli uffici di alcune aziende anche multinazionali.

Ad esempio investire in un immobile a Sliema , un appartamento moderno, vicino al mare con 3 camere vuol dire spendere circa 300.000 euro ma vuol dire assicurarsi un ritorno di investimento annuo a partire dal 7% e destinato a salire con gli affitti short term.

Comprare un appartamento a Gzira o St Pauls Bay con una spesa intorno ai 200.000 euro assicura un rendimento annuo minimo del 5% oppure a San Gwann con un investimento di 130.000 per un appartamento con 2 camere si puo’ avere un rendimento anche superiore al 5%.

A Marsascala con un investimento tra 150 e 180.000 si puo’ avere un rendimento del 4%.

Ecco alcuni dati per fare una scelta ragionata e consapevole per investire il proprio patrimonio: un investimento immobiliare a Malta vuol dire assicurarsi un alto rendimento.

Contatta MALTAway e fai il passo intelligente per sfruttare l’Europa

16 cose da considerare per scegliere il paese estero da pensionati….e perchè MALTA è la destinazione leader in Europa

16 cose da considerare per scegliere il paese estero da pensionati….e perchè MALTA è la destinazione leader in Europa

malta way_trasferirsidapensionatimalta

MALTA way è la tua via di accesso alle opportunità di Malta per viverci da pensionato grazie ai 300 giorni di sole all’anno , alla vicinanza dei tuoi affetti familiari, a un eccellente sistema sanitario, stabilità politica economica e sociale, sicurezza totale, basso costo della vita, alta qualità della vita e delle relazioni personali, bassa tassazione, grande comunità internazionale, sistema bancario affidabile, programmi di investimento, facilità dei permessi di residenza….Malta è la nuova Svizzera e il miglior Nord Europa al centro del Mediterraneo…..che altro? 

http://www.maltaway.com/%EF%BB%BFmalta-global-pension-haven-isola-felice-anche-per-i-pensionati/

http://www.maltaway.com/%EF%BB%BF-trasferirsi-a-vivere-a-malta-da-pensionato-con-malta-way/

We’ve already listed for you the 25 best places to retire, and we know you’re all dying to move to Ecuador when your careers in tax and law come to an end.

However, before selling your home, keeping your family heirlooms in an acclimatized storage facility and packing your bags, you need to carry out in-depth research to make sure Ecuador (or any other country, for that matter) is the right one for you. Retirement planning is essential to having a happy, relaxing and easy life in your handpicked home away from home.

In order to help you with your future retirement plans, we’ve come up with 16 things to consider when retiring abroad.

1. Don’t Flush Money Down The Toilet: The cost of living in the country you’ve chosen might be one of the most important factors when retirement planning. You want your pension, savings or supplemental income to go a long way and allow you to live a comfortable life abroad. Make sure to do your due diligence in terms of the pricing of housing, transportation, healthcare services, food and utilities, among countless others, prior to boarding that plane.

2. Planes, Trains & Automobiles: Mobility is crucial to your wellbeing when retiring abroad. A solid system of highways matched with extensive and safe public transportation, as well as an international airport with a good domestic and international flight schedule, will grant you greater flexibility when it comes to discovering your new country and heading back to your old one to visit friends and family.
Retiring Abroad: Healthcare

3. An Apple a Day Keeps the Doctor Away: At the latter stages of life, staying healthy is primordial to one’s happiness. A modern and highly professional healthcare system should be at the top of your list of things to consider when retiring abroad. Pay close attention to the quality of hospitals, the experience and levels of training of physicians and other medical doctors, and the availability and cost of medicine and medical supplies, among others. Also, make sure there are healthcare facilities nearby, say, at most 25 to 30 minutes away from where you live.

4. Put That Gun Away: Safety and personal security is of utmost importance when planning for retirement. You want to avoid at all costs dangerous, violent, and socially unstable regions of the world where your life will be in peril on a near daily basis. Pick cities (or at least neighborhoods) with low crime rates and an established expatriate community that is willing to show you the ropes.

5. Rain or Shine: Would you like to wake up to rain 75% of the year? Or scorching heat hovering near 50 °C? Yeah, we didn’t think so. Weather.com is your friend, so make sure to study your country of choice’s weather patterns. Personally speaking, it’s hard to beat the climate in San Diego, California: year-round sun and temperatures ranging from 9°C to 25°C. Paradise.

Retiring Abroad: communicating with the locals

6. Je No Parle Español: Not everyone in the world speaks English and not all of us are polyglots. Language spoken should come under consideration when retirement planning. Pick a country where you’ll feel comfortable enough communicating with the locals, be that in English or a second language. In any case, chances are you will quickly become proficient—either by choice or because you have to—in that second language.

7. Don’t Bank on It: Finding a place with a solid banking system is fundamental to retirement planning. You need to locate a reliable, professional and stable bank in which to stash away your money while living abroad. Often, branches of major European and American banks are your safest bet to protect your savings and remain at ease in cases of economic volatility.

8. Expats in the House: Living abroad, it’s always nice to find kindred souls that are experiencing what you are. Look for expatriate communities in the city of your choice and reach out to them prior to making your move. They’ll be able to answer your questions, provide you with recommendations, and make you feel more at home once you make your big move.

9. Big Macs on the House: Don’t laugh but every so often we crave what’s familiar. Living abroad among all the new smells, sounds and flavors can be overwhelming. So it’s always good to know that some of those comforts readily available back home—be it junk food or specific ingredients like, say, maple syrup or chipotle chilies—can be tracked down in your new country.

Retiring Abroad: Place to Live

10. Home Sweet Home: Real estate—its costs, availability, location and quality—might be one of the most crucial factors to consider when planning for retirement. Whether you are renting or buying, you want a comfortable, ample, well-located and affordable place to live. We suggest carefully studying the real estate markets in your shortlist of countries to retire.

11. If You Build It, They Will Come: Access to sturdy, safe and modern infrastructure can enhance one’s life abroad. The availability of good roadways, hospitals, shopping malls, hotels, restaurants, transportation hubs, theatres and museums, efficient utility services, etc., raises standards of living and makes retiring somewhere far away from home a more attractive option.

12. Inflation! Devaluation! Crisis!: Economic volatility is another factor to consider when retirement planning. Inflation, currency devaluations, tax hikes and other types of negative economic fluctuations can make life difficult for you and your bank account. Have a basic understanding of the economic history and performance of the countries on your shortlist and put together a contingency plan so that you’re not caught by surprise when things do go wrong.

13. Residency Requirements: If it’s a hassle to acquire residency to the country of your choice, then it might be better to move somewhere else. Look into residency requirements for your top choices and make sure these are not too burdensome. Many countries—for instance, Panama—offer special visas for retirees that allow them to make use of a wide range of discounts on utility bills, transportation, entertainment and more. These types of residency are highly advantageous and should be explored.

Retiring Abroad: access to the Internet

14. Can You Hear Me Now?: No one these days can live without access to the Internet or a smart phone. A reliable and efficient communications system to keep in touch with friends and family via Skype and log onto your Facebook, Twitter and Taxlinked accounts is a must. Unless what you want is to disconnect from the world and become a hermit up on a hill.

15. Take a Hike: Now that you have plenty of time on your hands, you might want to pursue all those recreational activities you weren’t free for as a working professional. Be it playing tennis, hiking, painting or dabbling in handcrafts, make sure there are facilities nearby for you to practice your favorite hobbies.

16. Don’t Make It Taxing: You cannot run. You cannot hide. Taxes will always be there, waiting for you. Even if you’re living abroad, you might still have to pay taxes back in your home country, so speak to a financial advisor to help you figure out who you owe, how much and when. You wouldn’t want to skip a payment and be penalized for moving to lovely Ecuador.

From https://taxlinked.net/blog/september-2015/16-things-to-consider-when-retiring-abroad