Paesi, Persone e Aziende con un più alto livello di Inglese sono più Innovativi

Paesi, Persone e Aziende con un più alto livello di Inglese sono più Innovativi

nov15-17-HBR-stock-text

Il processo di innovazione non è semplicemente collegato a persone con profili particolarmente brillanti, dotati  di grandi skills tecnologiche e digitali, ma soprattutto alla capacità degli individui di creare connessioni con altri, e quindi di avere accesso al network di informazioni globale dove si trovano le competenze più rilevanti, diverse ed innovative.

Un’elevata conoscenza dell’Inglese consente di avere questo accesso aperto alle informazioni e di potersi relazionare con le persone che le posseggono e le sviluppano,  l’Inglese diviene così un catalizzatore primario di un processo che si può definire di CROSS-FERTILIZATION

Come MALTAway abbiamo identificato, selezionato e costruito una risposta alle necessità di formazione linguistica per Persone, Famiglie, Studenti, Executives, managers e dipendenti delle aziende davvero attrattiva e competitiva sia rispetto ai corsi offerti in UK sia a quelli presso le scuole di moltissime città italiane.

Maltaway offre la possibilità di organizzare corsi di Inglese a Malta in un contesto che coniuga la professionalità delle scuole e la competenza dei docenti, un ambiente internazionale, prezzi competitivi con momenti di svago in un luogo di cultura, natura e mare……INGLESE con MALTAWAY 

Jack Ma, the founder of Alibaba, is one of the world’s most successful Internet entrepreneurs. But Ma has never written a line of code. He did not train as an engineer. Instead, Ma studied English in college, and worked as an English teacher and translator before diving into entrepreneurship.
That doesn’t surprise me. Ma’s bilingualism helped him work effectively across cultures and borders, and to pick up on global trends that gave him a critical edge in the 1990s as the Internet arrived in China.
When we think of innovation, we tend to think of smart, technically trained people sitting in a room coming up with game-changing ideas.

But innovation is just as much a function of connections—of a person’s or team’s ability to access global information networks and work alongside others with relevant skills.
In a global economy, English facilitates those connections.

When a country has strong English abilities, its innovation sector can better pull from the global pool of talent and ideas. And we now have data that illustrates the close relationship between innovation and English proficiency worldwide.
For the past five years we have producedthe EF English Proficiency Index, an analysis of the state of global English proficiency. Working from this data, we’ve detailed the link between a country’s English proficiency and its economic strength, and examined how companies with a common working language are better equipped to cooperate and innovate.
In our most recent report, we’ve applied that analytical lens to national metrics of innovation. We took the English proficiency scores for 70 countries, representing a sample set of nearly 1 million English language learners, and ran them against more than 800 World Development Indicators, finding high correlations between English ability and key indicators of innovation. In particular:
Countries with high English proficiency spend a significantly larger share of their GDP on research and development than those with lower English skills. Countries like Sweden, Denmark, and Slovenia have some of the world’s strongest English skills—and some of the highest investment in R&D.
These high proficiency countries also tend to have more researchers and technicians per capita.
Additionally, there’s a close correlation between a country’s English proficiency and its high-technology exports, such as computers and scientific instruments.
We see a similar pattern when we run the English proficiency scores against the 2015Global Innovation Index. The GII pulls together a number of innovation metrics and condenses them into a single score.
Of course, correlation does not equal causation. It’s important to remember that English proficiency and metrics of innovation are both correlated with other measurements of economic and social strength, such as the Human Development Index.
Still, there are some clear reasons why countries with strong English proficiency tend to thrive in the innovation sector. English skills allow innovators to read primary scientific research, form international collaborations, bring in talent from overseas, and participate in conferences. English proficiency expands the number of possible connections innovators can make with the ideas and people they need to generate original work.
It’s worth looking at some outliers in this dataset, including countries with low English proficiency but strong innovation metrics, such as China, and countries with high English proficiency but poor innovation indicators, such as Poland.
Even with strong support for R&D, low English proficiency can hamper the development of a country’s innovation sector. In China, for example, R&D expenditures are high, and the volume of published research is large. But those publications are cited much less frequentlythan original research from other countries, indicating that China is poorly integrated into the global research community.
Japan and South Korea are in a similar position. Both countries have strong metrics of innovation, with higher relative R&D expenditures, and more technicians and researchers per capita, than China. But both fall in the moderate English proficiency band of the EPI, below other countries with comparable innovation scores.
Poland, another outlier, has the opposite problem. In the past twenty years, Poland has overhauled its public education system. Today, it has one of the highest English proficiency scores in the world. But Poland has done little to promote innovation in its economy, and it has fallen behind OECD averages on nearly all metrics of innovation, including R&D expenditure, venture capital spending, and international co-authorship on research.
Recently, the Polish government allocated €10 billion of EU funding to stimulate private sector research and innovation. Combined with the country’s strong English skills, this kind of investment is well positioned to boost the country’s innovation economy.
As these outliers illustrate, English proficiency alone is not enough to drive innovation. But high expenditures on research-and-development aren’t enough, either, without the necessary tools for collaboration and cross-cultural pollination.
When they want to boost innovation, leaders and policymakers typically focus on STEM education. Investment in STEM makes a lot of sense. But there needs to be more. Our data suggests that, along with funding for research and STEM classes, leaders need to keep an eye on English skills too.
That same lesson applies for the leaders of global businesses. Boosting innovation isn’t just a matter of increasing the R&D budget. It’s also about facilitating cooperation across the company. For business leaders, that means:
Identifying and eliminating language and cultural barriers that could hinder innovation. Companies have to ensure that researchers and innovators have access to international publications, conferences, and other global networks of ideas.
Providing language training to top researchers and innovators whose English is not yet proficient so that they can consume and disseminate great ideas.
Emphasizing the importance of language and communication skills when hiring and promoting researchers and innovators.
After all, good innovators are also good communicators. Just ask Jack Ma, the English-teacher-turned-tech-magnate: for innovation in the 21st century, English is key.

https://hbr.org/2015/11/countries-with-high-english-proficiency-are-more-innovative

CORSI INGLESE CORPORATE A MALTA

CORSI INGLESE CORPORATE A MALTA
 Come MALTAway abbiamo identificato, selezionato e costruito una risposta alle necessità di formazione linguistica per Executives, managers e dipendenti delle aziende davvero attrattiva e competitiva sia rispetto ai corsi offerti in UK sia a quelli presso le scuole di moltissime città italiane.
 
Maltaway offre la possibilità di organizzare corsi di Inglese a Malta in un contesto che coniuga la professionalità delle scuole e la competenza dei docenti, un ambiente internazionale, prezzi competitivi con momenti di svago in un luogo di cultura, natura e mare. 
maltaway_english_-map
L’azienda potrà valutare e decidere quale parte di questa soluzione sarà offerta come benefit ai suoi dipendenti, magari in cambio del loro periodo di ferie, e quale rimarrà direttamente a loro carico.
 
Nell’ambito dell’ampio panorama delle scuole di lingua a Malta, noi abbiamo selezionato e individuato quelle che possano garantire un servizio in funzione di tutte le esigenze aziendali, con estrema flessibilità e collaborazione e con il migliore rapporto qualità/prezzo.
 
Ecco un esempio concreto di alcune tipologie di corsi disponibili in relazione alle specifiche esigenze aziendali ed i relativi prezzi alla settimana per il 2016:
 
·         GENERAL ENGLISH – max 12 studenti – 20 sessioni alla settimana (4 lezioni al giorno) – EURO 170
·         INTENSIVE ENGLISH – max 12 studenti – 30 sessioni alla settimana (6 lezioni al giorno) – EURO 230
·         BUSINESS ENGLISH – max 10 studenti – 20 sessioni alla settimana (4 lezioni al giorno) – EURO 190
·         COMBINATION Business English  20 sessioni + 10 Lezioni Individuali – EURO 370
 
I vostri dipendenti potranno anche coniugare lo studio con una vacanza da condividere insieme alla famiglia che potrà usufruire dei seguenti corsi:
 
·        CORSI ADULTI dai 18 anni di tutti i livelli a partire da 170 euro alla settimana
·        CORSI KIDS dai 7-8 anni ai 12 anni in Luglio e Agosto – 20 sessioni- Euro 205 alla settimana
·      CORSI TEENAGERS da 13 a 17 anni in Luglio e Agosto – 20 sessioni – Euro 205 alla settimana (su richiesta in Autunno o Primavera) oppure corso inglese al mattino + attività pomeridiane in gruppo Euro 280
·      PACCHETTI TEENAGERS da 13-17 anni per ragazzi NON ACCOMPAGNATI in luglio e Agosto che comprendono 20 lezioni d’inglese alla settimana- alloggio in residence in full board – attività di intrattenimento ed escursioni pomeridiane e serali – assistenza di Group Leaders – trasferimento da/per aeroporto – EURO 660 alla settimana (esclusi voli).
 
Maltaway opera come consulente di viaggio con un grande broker italiano ed è pertanto in grado di selezionare e offrire gli hotel a Malta, a prezzi davvero competitivi, per costruire un pacchetto completo per i vostri dipendenti che vogliono vivere l’esperienza di un corso di inglese a Malta, magari abbinato ad una vacanza con la famiglia.
 
Siamo a disposizione per fornire ogni dettaglio e informazione per le proposte sopra indicate e costruire pacchetti di formazione linguistica e soggiorno a Malta in linea con le vostre esigenze aziendali.

Basic English Video: When to use “me”, “myself” and “I”

Basic English: When to use “me”, “myself” and “I”

MALTAway ti offfe le migliori e selezionate (da noi) scuole di Inglese a Malta e nel mondo, per privati, bimbi, teenagers, studenti, universitari, scuole, famiglie, imprese, executives e senza alcun aggravio di costi che molte agenzie fanno invece pagare

Qui a Malta ti abbiniamo anche un’offerta di Corsi di Inglese con splendidi  hotels e un programma di 1 o 2 settimane o per i più volenterosi un mese e anche 3, per trasformare la tua vacanza in un investimento…. meglio a Malta che nella scuola sotto casa e ti costerà anche di meno

EDUTAINMENT   Education + Entertainment in un ambiente interculturale … da sempre e questo video non è che il punto di partenza…. Have EDUFUN !!!


Me, myself, and I. You may be tempted to use these words interchangeably, because they all refer to the same thing. But in fact, each one has a specific role in a sentence: ‘I’ is a subject pronoun, ‘me’ is an object pronoun, and ‘myself’ is a reflexive or intensive pronoun. Emma Bryce explains what each role reveals about where each word belongs.

MALTA è il paese con il più elevato livello di ottimismo dell’ Euro zona

MALTA è il paese con il più elevato livello di ottimismo dell’Euro zona

Per qualcuno si nasce ottimisti, per molti lo si diventa grazie alle esperienze in un paese sano e stabile e con persone affidabili e globali, questa è Malta che sta nell’Eurozona……. che la differenza sia da qualche altra parte?

Scoprilo con Malta way, sul sito, sul blog, contattandoci…….. il tuo primo progetto deve essere quello di venire a Malta per un viaggio o un corso di Inglese, per un investimento immobiliare, per prendere la residenza, per lavorare, per trasferire il tuo business.

L’indagine della Commissione Europea, mostra come il dato di Malta sia superiore del 12% rispetto alla media e  con un livello dell’ Economic Sentiment Index pari a 112.3

Il sentimento straordinariamente positivo è sostenuto da quanto espresso dai consumatori privati e famiglie e dalle imprese dei servizi e industriali con una crescita della domanda e dei posti di lavoro offerti

Malta è l’unico paese Europeo che vede la situazione finanziaria delle famiglie in miglioramento e con previsioni future di ulteriore consolidamento positivo grazie all’aumento del potere di acquisto e al continuo calo della disoccupazione

Con l’EURO in comune alcuni fanno i fatti e si danno traguardi sfidanti che vengono raggiunti sistematicamente, troppi fanno solo promesse future e scelte quotidiane che distruggono la competitività del sistema e la reputazione dei cittadini….. a ognuno la scelta da che parte stare, vivere, investire e lavorare

Secondo una indagine della Coldiretti il 51% dei giovani Italiani, gli under 35,  ha sempre meno fiducia ed è disposto ad andarsene all’estero. La ragione principale che spinge le giovani generazioni a lasciare l’Italia sono queste 4:

  1. un paese fermo in cui non si prendono mai decisioni per il 19%
  2. per il 18% punta il dito sulle tasse
  3. il 17% chiama in causa la mancanza di lavoro
  4. a pari merito con la mancanza di meritocrazia.

http://www.maltatoday.com.mt/business/business_news/48215/malta_with_highest_level_of_optimism_in_eurozone#.VLIpXyuG-So

malta way_ottimismo_think-positive